X Cookies ci consentono di offrirti il nostro migliore servizio. Continuando la navigazione nel sito, lei accetta l’uso dei cookies. Clicca qui per ulteriori informazioni.
DATE IMPORTANTI
DATE IMPORTANTI
La Germania nazista e l’Italia fascista, sempre più strettamente alleate, giungono ad un accordo sul problema sudtirolese («accordi di Berlino», noti comuemente come «opzioni»). Entro il dicembre 1939 i tedeschi e i ladini residenti in Alto Adige, Trentino e Bellunese devono «optare»; scegliere se mantenere la cittadinanza italiana oppure acquistare quella germanica e trasferirsi nel Reich. L’autunno del 1939 è un periodo di grande lacerazione nella comunità sudtirolese, che si divide tra una maggioranza di «Geher» (partenti) e una minoranza di «Dableiber» (restanti). L’abile propaganda nazista presso la popolazione fa in modo di stravolgere il senso dell’opzione in una specie di plebiscito sulla propria identità etnica: «tedesco» oppure «italiano». Più dell’80% dei sudtirolesi opta per la Germania. Il trasferimento è però rallentato dall’escalation della guerra, scoppiata nel frattempo. Nel 1943 ben due terzi degli optanti (circa 140 mila) si trovano ancora in provincia.